E-Mail: as-fi@cultura.gov.it   PEC: as-fi[at]pec.cultura.gov.it  Tel: +39055263201

Archivio di Stato di Firenze

Sala di studio

La Sala di Studio è aperta liberamente e gratuitamente al pubblico per ragioni di studio.
L'accesso è possibile senza prenotazione negli orari e con le modalità seguenti:

1. Orario di apertura:

lunedì 08:30-13:30
martedì 08:30-17:30
mercoledì 08:30-17:30
giovedì 08:30-17:30
venerdì 08:30-13:30


2. Numero di documenti richiedibili per ogni appuntamento: massimo 3 in totale (3 filze, oppure 6 pergamene, oppure 9 lettere sciolte); le operazioni di prelevamento avranno luogo nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì. Nei giorni di lunedì e venerdì non verrà effettuato il prelevamento, quindi si potranno consultare solo i pezzi richiesti anticipatamente nei giorni previsti per il prelevamento;

3. Per essere ammessi è necessario avere compiuto 18 anni di età, esibire un documento di identità valido e compilare una domanda di ammissione; all'utente verrà consegnata una tessera con validità annuale.
La tessera, che dà diritto all'accesso all'Istituto e alla consultazione dei documenti, unitamente a un documento di identità, deve essere mostrata al personale di custodia all'entrata e all'uscita dall'Archivio;

4. In ottemperanza alla normativa volta a contrastare l'emergenza sanitaria, per l’accesso ai servizi di sala di studio è raccomandato l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie;

5. All'entrata della Sala di Studio l'utente è tenuto a firmare in maniera leggibile il registro di presenza;

6. In Sala di Studio non possono essere introdotti borse o altri contenitori, che devono essere lasciati negli armadietti al terzo piano. Chi ha necessità di portare con sé i propri libri deve farsi consegnare dal personale addetto alla sorveglianza l'apposito tagliando;

7. È consentito l'uso di dispositivi fotografici per la riproduzione diretta dei documenti;

8. Per quanto riguarda gli studenti universitari è opportuna una preliminare preparazione di base all'uso delle fonti documentarie, a cura del docente che segue le ricerche.